Pamela, famiglia contro Mattarella: «Perché pensate solo a immigrati?» – VIDEO

Condividi!

Omicidio di Pamela, a sei mesi dalla sua barbara uccisione (era il 30 gennaio scorso) lo zio Marco Valerio Verni ha pubblicato un videomessaggio sulla sua pagina Facebook.

Si rivolge al presidente della Repubblica Sergio Mattarella per chiedere come mai in tutto questo tempo non ci sia mai stata da parte sua una condanna di quanto accaduto e perché nessuna carica dello Stato sia stata presente al funerale della 18enne.

Lo zio di Pamela cita anche l’episodio dell’omicidio di Emmanuel Chidi Namdi Emmanuel, l’immigrato con la spranga ucciso a Fermo – per legittima difesa da un italiano – e al cui funerale lo Stato fu presente.

Mummie politiche al funerale del clandestino nigeriano insieme ai membri della Mafia nigeriana

«A sei mesi dalla barbara uccisione di Pamela vorrei chiederle, presidente Mattarella, perché mai nessuna parola di condanna quando a compiere gravi reati sono immigrati a danno di italiani? Quanto accaduto a Pamela non è forse barbarie?» si domanda lo zio di Pamela.

Intanto oggi Innocent Oseghale ha confessato di avere fatto a pezzi Pamela.

E’ l’accusa di un uomo dal cuore straziato quella dello zio di Pamela. L’accusa di un cittadino che, invece di trovare nel proprio Capo di Stato un interprete dei bisogni del popolo, trova Mattarella.




Un pensiero su “Pamela, famiglia contro Mattarella: «Perché pensate solo a immigrati?» – VIDEO”

  1. Auguro veramente a Mattarella di non replicare a quanto detto dalla famiglia di Pamela, farebbe solo male percio é meglio per Lui che non apra bocca e stia zitto su questo argomento e la smetta di difendere sempre e ad ogni costo queste merde. Lui occupa quel posto cioé di Presidente della Repubblica per rappresentare gli Italiani all Estero e non per accusare gli Italiani in Italia di razzismo e nemmeno di difendere gli illegali in Italia. Il rispetto che tutta Italia ha per suo fratello non puo far si che lei si possa permettere delle fuoriuscite simili, ora basta.

Lascia un commento