Salvini: “Dobbiamo fare bambini o spariremo”

Condividi!

“Un Paese dove non nascono bambini è destinato a morire. Alla fine di questo mandato il Governo sarà valutato sul numero di nuovi nati più che sul suo debito pubblico”. In gioco “c’è la nostra tradizione, la nostra storia, la nostra identità” e la sinistra sta usando la bassa natalità come una “scusa” per “importare migranti”. Così il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, intervistato dal Times.

VERIFICA LA NOTIZIA

Salvini ha compreso che la vera emergenza è la sostituzione etnica. Tutto il resto è secondario: l’economia, la disoccupazione e la corruzione sono tutti gravi problemi, ma impallidiscono davanti al collasso di una civiltà.

Ma facciamo attenzione. I provvedimenti pro-natalità, se fatti “à la francese”, farebbero aumentare i nati: ma quelli sbagliati. Per questo è bene pensarci bene, analizzare e cercare di favorire la natalità giusta con interventi mirati.

In un’altra intervista al Sunday Times il ministro parla di Brexit: “La mia esperienza nel Parlamento europeo mi dice che o ti imponi o loro ti truffano”, ed esorta la premier britannica Theresa May ad adottare una linea più dura nei negoziati con la Ue sulla Brexit. Per Salvini, May dovrebbe prepararsi a lasciare il tavolo senza un accordo. “Perchè – aggiunge – su alcuni principi non c’è bisogno di essere flessibili e tu non dovresti fare passi indietro”.




Lascia un commento