Cittadini barricano strade e cacciano 70 profughi: “Non li vogliamo” – VIDEO

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Protesta anti-immigrati a Villa Di Briano, nel Casertano, dove i cittadini hanno bloccato la strada dove e’ ubicato l’immobile che avrebbe dovuto ospitare gli stranieri.

Si tratta di circa settanta giovani maschi africani, richiedenti asilo, che fino a ieri mattina erano ospitati in un’altra struttura del vicino comune di Villa Literno.

Tra i manifestanti genitori con bambini e qualche esponente della locale amministrazione: “Non li vogliamo” hanno gridato.

E ha vinto dopo ore di tensione la linea della protesta. Via i migranti con il pretesto della mancanza di acqua in uno dei due stabili a causa di una tubazione rotta: il sindaco ha dichiarato inagibile l’edificio.

Applausi e grida di gioia all’annuncio del dietrofront. Ma con insistenza corre voce di un geniale sabotaggio alla conduttura dell’acqua, anche se si accredita la rottura al transito di un camion.

Un’altra società di gestione del centro di accoglienza sta valutando di rinunciare all’appalto vinto vista la tensione. Ora la prefettura dovrà trovare un’altra collocazione per i migranti.

Ve la troviamo noi: l’Africa.

C’era anche un assessore, Anna Conte, tra i capi della protesta con i figli. Ha anche allattato il più piccolo durante la protesta. Perché loro sono il futuro, e il futuro deve essere difeso.

Il sindaco, Luigi Della Corte, aveva cercato di mediare con i manifestanti e i suoi assessori, vicesindaco compreso. Come se si potesse mediare sul futuro delle persone.

Della Corte inizialmente aveva aderito alla protesta. I cittadini avevano anche messo una macchina sulla strada per bloccare il transito: erano pronti allo scontro.

Questa è l’Italia che non si arrende. L’Italia che non vuole essere sostituita. Questa è la tua Italia Salvini, non la deludere.

Alla manifestazione stanno arrivando esponenti di Fdi e di Forza Nuova, molto forte nella vicina Casaluce.




Lascia un commento