Fontana contro magistrati LGBT: “Combatterò il mercato dei bambini”

Condividi!

La Corte di appello di Venezia ha ordinato al sindaco di Verona Federico Sboarina di riconoscere due gay come padri di un bambino nato con la maternità surrogata: donna pagata per farsi inseminare.

VERIFICA LA NOTIZIA

E’ intervenuto anche il ministro per la Famiglia e le Disabilità Lorenzo Fontana: «penso che la necessità, per un bambino, di avere una madre e un padre sia un presupposto fondamentale e irrinunciabile. A tal fine bene fa il Comune di Verona a valutare l’opportunità di impugnare la sentenza. Dico inoltre che sarà mia intenzione combattere la pratica dell’utero in affitto in tutte le sedi opportune, ritenendo la cosa – sia per i bambini sia per la donna – gravemente lesiva della dignità umana».

Il mercato dei bambini deve cessare. Il Canada è uno Stato indegno, che nasconde il mercimonio di carne umana dietro il termine vuoto dei ‘diritti’.




Lascia un commento