Padova, sindaco PD vieta “Miss lato B”

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Niente concorso per ‘Miss lato B’ a Padova, previsto per sabato prossimo nell’area dei ‘Navigli’, dove si svolge la movida estiva. Ufficialmente la ‘sfilata’ è stata cancellata dagli organizzatori per le previsioni meteo avverse, che danno forte possibilità di temporali domani. In realtà, come ha spiegato lo stesso Federico Contin, storico gestore dell’area a ridosso del fiume Piovego (su concessione comunale), è stata la ‘moral suasion’ esercitata dal sindaco Sergio Giordani a convincere che ‘Miss lato B’ era meglio non farlo. Questo per rispetto delle “diverse sensibilità” non solo all’interno della maggioranza comunale ma anche nella cittadinanza, visto che in molti si erano uniti alle critiche – “è una vera schifezza” – espresse dall’assessore Marta Nalin, prima, e dalla collega Chiara Gallani poi, sul concorso “Miss maglietta bagnata”, andato in scena invece mercoledì scorso sempre sui Navigli.

E’ il bigottismo 2.0, quello che vieta i culi femminili ma sfila in piazza con quelli ‘maschili’

Non siamo appassionati di queste scemenze. Ma che si vieti – la chiamano ‘moral suasion’ – miss lato B e poi si facciano i gay pride con tanto di patrocinio comunale è delirante.

Perché c’è lato b e lato b. A loro piacciono quelli pelosi.

Delirante. Ma tipico di una parte politica che ormai rappresenta solo le frange estreme delle società.

Dio, che voglia di organizzare un concorso ‘miss culetto bagnato’, tanto per far piangere il PD.




Un pensiero su “Padova, sindaco PD vieta “Miss lato B””

Lascia un commento