Ong trova i soliti cadaveri: “Uccisi da Italia”, Salvini: “Bugiardi e speculatori”

Condividi!

“I libici hanno affondato la barca e lasciato morire una donna e il suo bambino. Sono assassini arruolati dall’Italia”.

Questo il delirante tweet dei trafficanti umanitari della ong catalana ProActiva a caccia di clandestini in Libia.

Usano cadaveri raccattati chissà dove, per fare propaganda.

La risposta di Salvini:

Il tweet di Oscar Camps, fondatore dell’organizzazione di trafficanti umanitari è delirante: “La Guardia costiera libica ha annunciato di aver intercettato un’imbarcazione con 158 persone a bordo e di aver fornito assistenza medica e umanitaria”, denuncia Camps, “Quello che non ha detto è che hanno lasciato due donne e un bambino a bordo e di aver affondato l’imbarcazione perché non volevano salire sulle motovedette libiche”. Quindi, in un tweet successivo, Camps – che ha pubblicato sul suo account una foto che mostra del relitto e dei corpi della donna e del bambino – ha scritto ancora: “Quando siamo arrivati, abbiamo trovato una delle due donne ancora in vita, ma non abbiamo potuto fare niente per salvare l’altra donna e il bambino che potrebbero essere morti poche ora prima di trovarli. Quanto tempo dovremo lottare contro assassini arruolati dal governo italiano per uccidere?”.

Vanno arrestati. Questi appena si muovono trovano i soliti cadaveri per fare propaganda. Loro dicono che li hanno affondati i libici, il che non ha alcun senso: chi ci dice che non li abbiano affondati loro, invece, per fare la solita foto opportunity?

Appena arrivati in Libia dopo settimane di esilio in Catalogna, e subito dopo le accuse di Salvini, loro trovano i soliti cadaveri. Strano.




Un pensiero su “Ong trova i soliti cadaveri: “Uccisi da Italia”, Salvini: “Bugiardi e speculatori””

  1. Le ONG evidentemente non hanno capito che questa polemica sui cadaveri veri e presunti ha qualche labile effetto solo a livello diplomatico/politico.
    A livello di opinione pubblica, ormai il popolo è davvero stufo di questi clandestini.
    Mentre i politici, persino i sovranisti, sono tuttora costretti a parlare di “salvare vite umane”, a noi non frega un beneamato cazzo che questi “migranti” si salvino.
    Anzi preghiamo che quelli che provano a traversare il Mediterraneo affoghino dal primo all’ultimo.

Lascia un commento