Don Zanotti a letto coi profughi: “Ci costringeva a prendere il Viagra”

Vox
Condividi!

Costretto a diventare l’amante di un frate cappuccino che lo minacciava e picchiava. È questo quanto accaduto a un immigrato che viveva da quattro anni nella comunità “Oasi 7”, un centro di accoglienza profughi a Bergamo, fondato da padre Antonio Zanotti, ora accusato di violenza sessuale.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il prete dei profughi non è nuovo a situazioni di questo tipo. L’anno scorso una volontaria venne stuprata da un suo ospite, lui coprì:

Volontaria stuprata da profugo, accuse al prete: “Ha coperto colpevoli”

Chissà, magari si coprivano a vicenda. In tutti i sensi.

Sarebbero tre le ‘vittime’ del prete dell’accoglienza: “Nonostante non fosse mio desiderio avere rapporti sessuali con il frate, non riuscivo a oppormi. Padre Zanotti cominciò a farmi dei regali costosi, qualunque cosa chiedessi me la acquistava. Se accondiscendevo alle sue richieste, mi faceva trovare dei soldi”, racconta.

Vox

“Mi minacciava che senza di lui e la sua bontà avrei passato la mia vita in mezzo alla strada insieme ai disperati”.

“Mi costrinse a prendere del Viagra. Mi diceva sempre: “Ci vogliono i soldi, caro mio, io ne ho tanti e tu non hai niente”. Lui ne ha tanti perché gestisce i centri di accoglienza dove ospita profughi a spese nostre. E oltre ai soldi se li ingroppa.

Racconta ancora il profugo-amante di padre Zanotti: “Mi trovavo nella stazione di Bergamo quando due albanesi che conoscevo, perché residenti nella comunità di padre Zanotti, mi hanno circondato e riempito di pugni e schiaffi, lasciandomi a terra sanguinante, non prima di avermi detto: ‘Non tornare più là dentro e vedi di stare molto lontano da qui’. Adesso vivo in un luogo protetto, ma ho paura che possa accadermi qualcosa di brutto”.

C’è poi anche del materiale, tra cui alcuni filmini e foto hard, che è già stato depositato in Vaticano e alla Procura di Roma e sarà presto esaminato.

Quando i vescovi vi parlano di accoglienza, pensate a cosa intendono.