L’ultimo italiano di Rosciano: “Chiudo la porta a chiave, è pieno di immigrati”

Condividi!

Giuseppe Spagnuolo è l’ultimo italiano che abita a Roscigno Vecchia, piccolo borgo sulle montagne del parco del Cilento, in Campania. Spagnuolo è rimasto a custodire la memoria del posto. Tutti gli altri se ne sono andati.

VERIFICA LA NOTIZIA

A raccontare la storia dell’ultimo abitante di questo paesino fantasma è La Verità, che o ha intervistato.

Non ho fatto progetti. Tutto è accaduto per caso. Ma prima di trasferirmi qui, già facevo l’eremita […] Nel 1963 sono partito per la Lombardia, aiutante carpentiere. Poi, negli anni Settanta, sono andato a fare lo spaccapietre in Svizzera. A un certo punto l’impresa è andata in difficoltà. Ero l’ultimo arrivato, sono stato il primo a dover andare via.

Quando Giuseppe è arrivato a Roscigno Vecchia, nel 1997, non era solo.

In paese eravamo due: io e Dorina […] Un’ex suora […] Non c’è più. È morta nel 2000. Da allora sono l’unico abitante.

Io qui ho a che fare con tutto il pianeta. A inizio luglio sono venuti dei giapponesi a girare un film. Di recente ci sono stati anche dei cinesi. Arrivano da tutto il mondo per vedere Roscigno Vecchia […] Il paesaggio è meraviglioso, non mi stanco mai di ammirarlo. E poi c’è un venticello… Non è come da voi a Milano: la cappa, la nebbia […] Ho una piccola e modesta dimora, cucino con la legna, non ho telefono e nemmeno il riscaldamento.

Ma attenzione, anche dall’ultimo italiano di Rosciano Vecchia sono arrivati ‘loro’:

La porta si chiude perché oggi ci sono tanti immigrati, l’Italia è piena… Qualche malintenzionato può venire a casa tua e tu non puoi nemmeno difenderti.

Roscigno Vecchia – Giuseppe Spagnuolo

Posted by Città di Campagna e dintorni – Alto e Medio Sele on Sunday, October 26, 2014




Lascia un commento