Festa a Zagabria, saccheggi a Parigi: ecco la differenza tra una società multietnica e una no – VIDEO

Condividi!

2 morti, 100 feriti, 300 arresti e 240 auto bruciate da una parte, festa dall’altra.

Questa è la reale differenza tra una società multietnica ed una etnicamente intatta. Come rispondono alle crisi e ai ‘festeggiamenti’. Non chi vince una partita di calcio.

A Zagabria la nazionale croata – che gli antirazzisti francesi hanno definito ‘sconsolatamente omogenea’ – è stata accolta con gioia e rispetto. Rispetto per chi ha rappresentato un popolo di 4 milioni di abitanti contro una selezione che ha pescato in un bacino di quasi 1 miliardo di individui. E meritava di vincere.

In Francia, invece, disordini, saccheggi e violenze sono scoppiate in tutte le città. Tra bandiere algerine, tunisine e afroislamici che hanno assalito negozi, bruciato auto. E morti.

C’è stata anche l’onta dell’evacuazione degli Champs-Elysées. In questo Parigi può essere a tutti gli effetti considerata una città africana.


Bordeaux


Fougères


Redon


Chalons


Lyon


Rouen

Des journalistes attaqués


Menton

La police caillassée par une bande de jeunes à Menton après la victoire de la France

Nice Matin


Marseille

L'attaque du Bus à Marseille #FRACRO

L'attaque du Bus à Marseille #FRACRO

Posted by Fdesouche on Sunday, July 15, 2018

Au milieu de la ferveur, des drapeaux français et des fumigènes, des incidents ont éclaté au niveau du rond-point du Prado, à la sortie de la fan-zone du parc Chanot. Un conteneur de tri a notamment été incendié et les vitres d’un car brisées (photo). Quelques escarmouches ont également éclaté entre de jeunes supporters et les CRS présents sur place.

(…) La Provence


Bastia

Lo scontro di civiltà non era in campo.

Quando l’Italia vinse l’ultimo mondiale, furono giorni di festa. Senza incidenti. Perché siamo un popolo. E così, stasera, non ci sono incidenti nella Croazia della squadra immeritatamente sconfitta: perché sono un popolo. In Francia, invece, di popoli ce ne sono troppi, un contro l’altro armato.

Se anche fosse vero – e non lo è ovviamente – che si deve importare immigrati per vincere un mondiale, questo varrebbe quello che sta accadendo e accade ogni giorno in Francia? Quanti stupri vale, una coppa del mondo di calcio?




Lascia un commento