Salvini: obiettivo finale è che africani rimangano in Africa

Condividi!

Dopo il rifiuto dei Paesi di Visegrad di prendersi la “loro” quota di clandestini prelevati in alto mare da un pattugliatore britannico e una nave italiana, Salvini ha tenuto a precisare: “L’Italia ha finito di essere il campo profughi del mondo. Finalmente esiste un governo che fa l’interesse dei cittadini italiani. Dopo 650.000 sbarchi di cui pagheremo le conseguenze per parecchio tempo, adesso tutti in Europa si sono resi conto che non possiamo accogliere solo noi. E’ l’inizio di un percorso. E’ chiaro che l’obiettivo finale del governo non è la suddivisione a livello europeo, ma il blocco delle partenze. Meno gente parte, meno gente muore”.

Sinceramente, di chi paga migliaia di euro per venire qui da clandestino e affoga ci può dispiacere a livello umano, ma relativamente. Molto relativamente: non sono persone in fuga dalla guerra. Che non hanno scelta. Ma individui che coscientemente sanno di violare la legge e, nella stragrande maggioranza dei casi, vengono a spacciare.

Continuiamo a chiederci: perché non riportarli in Libia, dove analizzare le loro richieste di Asilo (nel 96% dei casi senza basi) invece di sparpagliarle in tutta Europa? Siamo o non siamo Paesi sovrani?




2 pensieri su “Salvini: obiettivo finale è che africani rimangano in Africa”

  1. Insomma tolti i 150 presi da Germania, Francia e Malta (ma se li piglieranno davvero?) ce ne rimangono altri 300 sul groppone?

    Conte dovrebbe cogliere la palla al balzo del rifiuto dei Visegrad per chiedere a tutti gli alleati il nulla osta per riportare le scimmie in Libia. E chi rifiuta si prende i rimanenti 300.

Lascia un commento