Tenta di stuprare sua moglie, marito denunciato perché lo chiama “negro”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Un dentista appende nello studio un cartello di avviso ai pazienti in cui scrive che la moglie “è stata aggredita da un negro” invitando a riflettere “sulle responsabilità politiche di tutto questo” e si scatenano le lamentele dei cuckold.

Accade a Mestre nell’ambulatorio del dottor P.B, il quale, che ha voluto rendere pubblico quanto accaduto alla moglie: “Ieri è stata aggredita al Parco Albanese da un negro – riporta il cartello, definendo l’accaduto “inaccettabile” – che dopo averla sbattuta a terra ha cercato di rubarle il cellulare e la bicicletta. E’ stata salvata da un passante che si è messo a gridare”.

Uno dei pazienti è rimasto colpito (sporco stupratore sarebbe stato meglio, signor paziente?) dall’uso del termine negro e la notizia in breve ha fatto il giro del web suscitando molte reazioni. Tra queste quelle del presidente dell’Ordine dei medici e degli odontoiatri della provincia di Venezia Giovanni Leoni: “L’attività delinquenziale è da condannare a prescindere dal colore della pelle”.

Ma se è stato un negro, è stato un negro. Cosa c’entra quanto accaduto personalmente al dentista con la sua attività di dentista? E quindi che cavolo c’entra l’ordine dei dentisti?

Vi rendete conto, per i radical shit non è grave il tentato stupro, è grave l’uso del termine ‘negro’, che poi è il termine più corretto e sintetico per indicare un africano subsahariano senza scrivere un poema.

E infatti la risposta del dentista è fantastica: “Se avessi scritto ‘straniero di colore’, avrebbe potuto essere indiano, cinese, ha spiegato alla Nuova Venezia”.

Lo diciamo un po’ per provocazione e un po’ no: se il Pd avesse continuato a governare, avrebbe messo lo ius primae noctis come diritto umano del migrante.




Lascia un commento