Diciotti: sbarcano i clandestini, Salvini fa arrestare i ‘rivoltosi’

Condividi!

Una volta che erano stati imbarcati dalla Diciotti, lo sbarco in Italia era solo questione di tempo

I primi a scendere sul molo Ronciglio i due indagati- un ghanese e un sudanese- per violenza privata continuata e aggravata ai danni del comandante e dell’equipaggio del rimorchiatore Vos Thalassa. I due erano scortati dalla polizia come ordinato da Salvini.

Si conclude così la vicenda iniziata con il dilettantesco (o criminale a seconda di cosa scopriranno le indagini) ‘soccorso’ dei 67 clandestini da parte della nave privata Vos Thalassa di uno strano armatore olandese.

Poi il dirottamento – ci dicono in 2 contro 12 uomini di equipaggio – e l’intervento a quel punto obbligato (anche qui si dovrà capire la responsabilità del capitano della Vos) della Guardia Costiera italiana.

Una volta che i clandestini sono saliti sulla Diciotti era ormai fuori di dubbio che sarebbero stati sbarcati in Italia: per qualche strano motivo, non possiamo ancora riportarli noi in Libia – va contro le ‘convenzioni’ obsolete firmate decenni fa – ma solo la guardia costiera libica direttamente. Per questo Salvini ha inviato navi italiane ai libici per il blocco navale.

Era quindi solo questione di tempo. E Salvini ha fatto bene a tenere il punto fino ad individuare scafisti e delinquenti. Anche se dubitiamo fossero solo 2.

Vedremo. Sia chiaro: la guerra sarà lunga, ma la stiamo vincendo. Lo sbarco casuale di 67 (meno gli indagati e gli scafisti) non è la stessa cosa dei 6.700 che negli stessi giorni sbarcavano lo scorso anno.

La ricostruzione di alcuni giornali secondo i quali i clandestini sono stati sbarcati dopo una telefonata di Mattarella a Conte, è bizzarra. Queste decisioni competono esclusivamente al ministro dell’Interno, sempre, figuriamoci con quello attuale, da cui dipende l’esistenza del governo (e anche il culo di Mattarella se non vuole essere messo sotto stato d’accusa, cosa fattibilissima se si mettesse a debordare dai propri poteri).

Quindi è evidente che queste ricostruzioni vengono diffuse per dare l’impressione di un governo populista diviso.




Un pensiero su “Diciotti: sbarcano i clandestini, Salvini fa arrestare i ‘rivoltosi’”

  1. L’ottimo Salvini ha nuovamente salvato la situazione imponendo le regole e dissuadendo così ulteriori traghettamenti stile Vos Thalassa. Almeno gli scafisti ed i capi rivolta saranno assicurati alla giustizia.
    Toninelli invece domani mattina dovrà spiegarci perché abbia ritenuto necessario l’intervento della nostra GC se i facinorosi dirottatori altri non erano che due sfigati contro un intero equipaggio.
    Non so se questi alleati pentastellati ci siano o ci facciano, ma non mi stupirei se certi sbagli fossero in parte voluti, magari per una competizione interna al governo: mentre Salvini sta facendo miracoli, il M5S ha già toppato sul fronte degli F35 e della libertà vaccinale ed è in difficoltà sia sulla riforma del lavoro che su quella della Giustizia.
    Purtroppo la Lega non è ancora abbastanza forte da poter correre da sola e l’alleanza con questi deludenti grillini le è necessaria per governare e poter portare a casa qualche risultato.

Lascia un commento