Diciotti, Salvini duro: “Clandestini sbarcheranno in manette” – VIDEO

Condividi!

Non potendo negare alla Diciotti lo sbarco in Italia (l’ideale sarebbe stato riportare i rivoltosi in Libia, ed è incredibile che non lo si possa fare per le convenzioni firmate dai precedenti governi), Salvini, che ha praticamente azzerato gli sbarchi in due mesi, tiene i clandestini sulla graticola:

Esige garanzie sull’arresto dei delinquenti a bordo. Il ministro assicura che risolverà il dilemma prima di approdare a Innsbruck per il vertice Ue dove porterà la “linea della fermezza” concordata con Conte nell’incontro di questa mattina: “Se c’è gente che ha minacciato e aggredito non è gente che finisce in un albergo ma è gente che dovrà finire in una galera – mette in chiaro Salvini – non darò autorizzazione a nessun tipo di sbarco finché non ci sarà garanzia per la sicurezza degli italiani che delinquenti, che non sono profughi, che hanno dirottato una nave con la violenza, finiscano per qualche tempo in galera e poi vengano portati il prima possibile al loro Paese”.

E “prima di concedere qualsiasi autorizzazione attendo di sapere nomi, cognomi e nazionalità dei violenti dirottatori, che dovranno scendere dalla nave Diciotti in manette”.




Lascia un commento