Saviano volgare contro Salvini e Zuccaro: “Profondo disprezzo”

Condividi!

Ora Saviano è diventato come la Boldrini. Scrive lettere.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ne ha scritta una al Fatto nella quale se la prende col povero ministro Toninelli, definito “burattino nelle mani di Matteo Salvini”. E parla di “politica degenerata” che non fa “alcuna differenza tra vita e morte, tra dignità e mancanza di diritti, tra legge e illegalità” e opera “nella maniera più becera possibile, creando paura e armando disperati contro altri disperati”.

I famosi disperati africani, che coi barconi fuggono dalla noia.

Poi si dispera anche lui, per quella che sa essere la fine del traffico: “L’orientamento del governo di delegare unicamente ai libici la gestione dei salvataggi in mare è folle e criminale”, scrive, attaccando la ripresa dell’accordo stretto a suo tempo tra Berlusconi e Gheddafi.

Non manca la difesa della Ong: “Non c’è una sola prova di legame fra trafficanti e Ong”, sostiene Saviano, “In special modo dopo il fallimento giudiziario delle elucubrazioni di Carmelo Zuccaro, ma a Toninelli e al suo burattinaio fa comodo fare disinformazione e continuare ad alimentare falsi sospetti verso chi salva vite e in più è testimone degli esiti criminali degli accordi tra Italia e Libia. Le Ong hanno più volte effettuato salvataggi in quell’area in passato, anche con il coordinamento del Centro Nazionale di Coordinamento del Soccorso Marittimo di Roma, visto che i libici non erano in grado di farlo e non lo sono neanche adesso”.

In realtà, ma tutti conoscono il pressappochismo di Saviano, le inchieste di Zuccaro sono vive e vegete, e ve ne accorgerete tra qualche mese, forse prima della fine dell’estate, quando qualche grande nome verrà coinvolto.

La fine della missiva definisce tutta la disperante impotenza di Saviano: “manifestando il più profondo disprezzo, umano e politico, per questa caricatura di ministro”.

Tranquillo, il disprezzo è ricambiato. Ma continuiamo a chiederci: perché la scorta, da chi deve essere protetto, Saviano, se non dalla furia del popolo?




Lascia un commento