Questo bambino è un profugo vero, loro sono clandestini

Condividi!

SE INVESTISSIMO UN DECIMO DI QUELLO CHE SPENDIAMO PER OSPITARE GIOVANI E PIMPANTI MASCHI AFRICANI IN HOTEL, IN CIBO E MEDICINE PER I CAMPI PROFUGHI IN SIRIA, SALVEREMMO MIGLIAIA DI VITE: MA IL PD E IL VATICANO NON AVREBBERO LUCRATO

I profughi siriani in Libano – profughi veri che, infatti, non hanno soldi per pagare scafisti e trafficanti – riuscivano a mangiare grazie ad una carta finanziata dal Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP), veniva caricata con 27 dollari a persona – in base al nucleo familiare – una volta al mese.

Nel gennaio scorso il contributo era sceso a 19 dollari e, dal primo luglio, a causa di una grave mancanza di fondi, il budget è stato dimezzato ancora a soli 13,50 dollari per persona.

In questo momento, spiega il WFP – che è finanziato interamente con contributi di governi, del settore privato e da singoli – servono 139 milioni di dollari per continuare ad aiutare almeno fino al prossimo settembre i rifugiati siriani che si trovano in Libano, Giordania, Egitto, Turchia ed Iraq. «Dall’inizio dell’anno – si legge nella nota del Programma Alimentare Mondiale – abbiamo cercato di usare oculatamente i fondi disponibili per assicurare la continuità dell’assistenza alle famiglie più bisognose».

«Siamo estremamente preoccupati dall’impatto che questi tagli avranno sui rifugiati e sui paesi che li ospitano», ha spiegato Muhannad Hadi. «Le famiglie stanno facendo ricorso a delle misure estreme per farvi fronte, come ritirare i bambini da scuola, saltare pasti o indebitarsi per sopravvivere. E gli effetti a lungo termine potrebbero essere devastanti».

Quindi. Mentre noi spendiamo il triplo della cifra al giorno (e a persona, non a famiglia) per mantenere clandestini africani in hotel, lasciamo morire di fame i veri profughi siriani. Follia, vergogna, disgusto.

E’ come se, per sconfiggere i tumori, si investisse in ricerca sulle caramelle. E per rimanere nella metafora, i produttori di caramelle pagassero i media per raccontarti che è la cosa giusta per sconfiggere i tumori.

Questo dimostra quanto falsi siano i richiami ad una presunta solidarietà di politici e volontari a pagamento: con i clandestini in Italia ci guadagnano. Aiutando i veri profughi siriani nei paesi vicini, non potrebbero lucrarci.

Non solo. Sant’Egidio sfrutta la presenza di profughi siriani in Libano per propagandare i ‘corridoi umanitari’. Per una accordo con il governo precedente, che intendono vendere anche a Salvini, hanno in programma di trasferire alcune migliaia di musulmani e africani in Italia: usando i soldi dell’8 per mille per mantenerli.

Anche questa è una vergogna. Sia perché ci sono italiani che vivono in auto e pensionati che mangiano nei bidoni della spazzatura, sia perché, con la metà dei soldi, potrebbero aiutare il triplo dei profughi in Libano a tornare in Siria e rifarsi una vita. L’altra metà, potrebbero usarla per aiutare i poveri italiani.

Comunque sia, quel bambino in foto è un vero profugo. Quelli che arrivano coi barconi, sono clandestini.




Lascia un commento