Spiagge vietate ai “vu cumprà”: Salvini a caccia di abusivi

Condividi!

Salvini ha dato il via al piano “Spiagge Sicure”. Non ci sarà tregua per i venditori abusivi che infestano il nostro mare e per i loro clienti (veri e propri dementi).

VERIFICA LA NOTIZIA

Matteo Salvini ha illustrato questa mattina la nuova circolare sulla sicurezza per l’estate 2018.

“Non bastano gli appelli a non comprare il falso, a non farsi massaggiare da chi non ha il titolo per farlo, a non comprare la collanina da chi ci fa tenerezza perché così si alimenta soltanto la criminalità”.

Saranno quindi a disposizione “alcuni milioni, soldi tratti dal Fondo Unico per la Giustizia, quindi soldi sequestrati alla mafia, che saranno distribuiti alle prefetture per far sì che siano pagati gli straordinari agli agenti della polizia locale che pattuglieranno le spiagge”.

Multe per chi compra dai “vu cumprà che vanno da 100 a 7mila euro. È già previsto dal codice – ha sottolineato Salvini – non abbiamo voluto aumentare le sanzioni, ma semplicemente mettere gli agenti in condizione di applicare la legge vigente finanziandoli tramite alcuni milioni di euro provenienti dal Fondo unico per la giustizia. Sarebbe ipocrita aumentare all’infinito le sanzioni quando non c’è il personale sufficiente”.

Infatti. Le leggi ci sono, ma non vengono applicate.

“È importante coinvolgere gli enti locali. Ciò che viene già fatto in alcuni Comuni vorremmo che si estendesse ad almeno 30-40-50 luoghi di villeggiatura nelle aree infestate dall’abusivismo. Confidiamo in un aumento dei sequestri e delle confische, il cittadino ha il diritto di stare sotto l’ombrellone senza che qualcuno gli proponga il peggio”.

E poi, è un modo per liberarci dai clandestini.




Lascia un commento