Siria, la guerra è finita: a migliaia tornano a casa!

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Altri 450 profughi siriani ad Arsal dovrebbero lasciare la città della Bekaa sabato, 7 luglio, per tornare a casa.

Lo scorso primo luglio, 42 profughi hanno raggiunto le loro case, in una città nella provincia di Damasco nel quadro di un rimpatrio volontario organizzato in coordinamento con il governo siriano. A migliaia seguiranno.

Giovedì, un primo convoglio è partito con circa 300 rifugiati siriani verso l’area di Qalamoun, in Siria. Arsal è una città sunnita nel nord-est della Bekaa, che ospita 36 mila rifugiati siriani.

Perché la guerra è finita. Quando Sant’Egidio vi parla di ‘corridoi umanitari’ lo fa perché ha fretta di trasferire islamici in Italia prima che possano tornare a casa.

Il loro è un progetto di sostituzione etnica. Tutti dovremmo lavorare perché chi è fuggito dalla guerra – e non parliamo di certo dei nigeriani e dei tunisini – possa tornare a casa. Ma l’obiettivo ‘loro’ è un altro.

Uno dei motivi per i quali Qatar e altri hanno finanziato la guerra in Siria, è quello di provocare una migrazione islamica verso l’Europa. Perché questo accadesse, hanno poi proceduto alla chiusura delle proprie frontiere.




Lascia un commento