Morbillo, danno la colpa a Salvini dei casi del 2015!

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Aumentano i casi di morbillo in Gran Bretagna. L’agenzia per la salute britannica ha registrato il doppio dei casi rispetto allo scorso anno.

Ma a far discutere sarebbe la provenienza del morbillo: “Arriva dall’Italia”, affermano i medici britannici. E così il Collegio Reale dei medici punta il dito contro il nostro governo per la politica sui vaccini: “È scoraggiante se consideriamo quanto eravamo vicini a sradicare completamente questa malattia”.

Fa da sponda alle accuse dei medici anche la posizione della stampa britannica che accusa direttamente Lega e Movimento Cinque Stelle: “ll rifiuto dell’opinione medica generale è parte del quadro mentale dei populisti”. Poi arriva l’affondo del Times: “C’è una spaventosa ironia in un politico come Matteo Salvini, che parla del rischio-malattie dagli immigrati africani e poi fa campagna per una politica che ammazza i bambini italiani”. Una vera e propria accusa senza giri di parole che mette nel mirino proprio il ministro degli Interni. Il Collegio reale dei medici infine sottolinea che cinquemila dei 21 mila casi di morbillo registrati in Europa riguardano l’Italia. Ma in questa vicenda c’è un errore alla base. I dati citati dal Times risalgono al 2015. In questo momento la copertura per quanto riguarda la vaccinazione è salita al 91,6 per cento. Prima dell’entrata in vigore della legge voluta dall’ex ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, la copertura era dell’87,3 per cento. Successivamente è salita al 91,6 per cento e di fatto non esiste alcun rischio. Ma di certo il dibattito sulle vaccinazioni resta aperto e adesso va anche oltre confine.

Dopo l’ossessiona Putin, ora gli inglesi hanno quella Salvini. Ha stato Salvini!

Primo caso di morbillo retroattivo.

Ma poi, siamo così certi che i casi italiani non abbiano nulla a che vedere con gli immigrati? Per nulla:

Morbillo fa due morti in Italia, esperti UE puntano il dito su immigrati




Lascia un commento