Scontri tra Rom e Africani: auto speronate, vetrine sfasciate

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
“Una situazione di gravissimo degrado diventata insostenibile: l’ex scuola di San Pier Laguna, che da tempo dà dimora a nord africani e sedicenti profughi, oggi per volere del municipio di Faenza ospita anche una comunità rom. Un cocktail che non poteva tardare a produrre gli effetti devastanti cui la comunità faentina ha assistito sabato scorso, quando nella rissa scoppiata tra nord africani e rom se ne sono viste di ogni: botte da orbi, furgoni che speronavano le auto in sosta, sino – parrebbe – all’esplosione di sette colpi di arma da fuoco”. Questa la denuncia del consigliere regionale, Andrea Liverani, e di quello comunale, Andrea Padovani, entrambi della Lega Nord.

Stigmatizzando il far west accaduto nei pressi delle ex scuole di San Pier Laguna i due consiglieri aggiungono: “Guarda caso ad accendere la miccia della violenza bestiale dei due gruppi che si sono fronteggiati, sarebbe stato un rom molto conosciuto dalle forze dell’ordine, poiché fra gli altri reati commessi, due anni fa era stato protagonista di un litigio violentissimo in una pizzeria della zona: in quell’occasione il signor “rom” aveva addirittura mandato in frantumi la vetrina del locale, contro la quale aveva gettato una fioriera. Insomma, si tratta di personaggi la cui pericolosità sociale è ben nota sia alle forze dell’ordine che all’interno della comunità faentina, pertanto non ci sembra il caso di continuare a dar loro credito, tutelandoli ad ogni livello, e assegnare loro alloggi popolari.”




Lascia un commento