Questo sindaco denuncia 2 gay: comprati bimbi all’estero

Condividi!

Nella cittadina in provincia di Rimini il sindaco Domenica Spinelli ha negato la trascrizione dell’atto di nascita dei figli gemelli acquistati all’estero da due gay con la pratica illegale in Italia e abominevole dell’utero in affitto.

Dopo aver bloccato la trascrizione, Spinelli ha anche presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Rimini sottolineando il fatto che la coppia di uomini sia perseguibile per aver utilizzato all’estero una tecnica di procreazione che in Italia è evitata, quella della gestazione per altri (in gergo, utero in affitto).

Come del resto è perseguibile in Italia un italiano che, ad esempio, stupra un bambino all’estero.

I due gay, intanto, hanno minacciato: sarà valutato l’operato del sindaco che, secondo il loro legale, è stato discriminatorio.

Negare la mamma a dei bambini no, invece.

Reazioni politiche:

La Comunità nazionalista riminese conferisce ampio sostegno e piena solidarietà al Sindaco di Coriano Domenica Spinelli…

Posted by Forza Nuova Rimini on Tuesday, July 3, 2018

La sinistra locale invece chiede le dimissioni del sindaco.

Il dramma non è solo dei bimbi, ma anche degli omosessuali che non vogliono distruggere vite di bambini per egoismo personale: perché anche i gay hanno avuto una mamma e un papà. Il comportamento di una minoranza di loro sta attirando odio verso la ‘categoria’.




Lascia un commento