IMMIGRATO AFRICANO UCCIDE ITALIANO A MANI NUDE: MASSACRO

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA

Paziente psichiatrico uccide ricoverato
Un paziente psichiatrico del servizio
di Prevenzione, Diagnosi e Cura (Spdc)
di Sessa Aurunca, nel Casertano, ha uc-
ciso uno dei ricoverati colpendolo più
volte al capo con pugni.

Dai primi accertamenti eseguiti dai ca-
rabinieri, l’uomo, di origini africane,
è stato colto da un raptus uccidendo la
vittima italiana a mani nude. Non è
stato facile per i militari fermare
l’immigrato, che è stato sedato.

Un altro spot all’Italia ‘multirazziale’.

Quando i carabinieri sono arrivati all’ospedale di Sessa Aurunca (Caserta) hanno trovato l’africano barricato al Servizio prevenzione diagnosi e cura, il reparto dove era stato portato ieri sera dalla polizia, che lo aveva trovato in strada “agitato” che sfasciava auto in sosta. Vanno espulsi, non curati.

Ci sono voluti cinque uomini dell’Arma per immobilizzare la bestia, che questa mattina ha dato in escandescenze e si è scagliato sulla prima persona che si è trovato davanti, un anziano che era ricoverato con lui e che ha ucciso a mani nude intorno alle 7.10.

Il bastardo ha ammazzato un 77enne originario di Falciano del Massico, comune a pochi chilometri dall’ospedale di Sessa. Al momento del ricovero, dopo che era stato trovato a Castelvolturno intento a sfasciare automobili, non aveva con sè alcun documento che potesse permettere un’identificazione.

Dopo l’intervento dei carabinieri, alcuni dei quali sono rimasti contusi, l’uomo di origini africane è stato sedato per tranquillizzarlo.

Andava abbattuto.




Lascia un commento