Iraq, ordinata impiccagione immediata di centinaia jihadisti

Condividi!

Il primo ministro iracheno, criticato per la sua mancanza di fermezza dopo la scoperta dei cadaveri di otto iracheni rapiti dallo Stato Islamico, ha ordinato ieri, giovedì, l’esecuzione “immediata” di centinaia di jihadisti condannati a morte, tra cui donne e stranieri.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’annuncio di queste impiccagioni di massa, in una data che non è stata ancora fissata, è venuto un giorno dopo la scoperta dei cadaveri di otto iracheni rapiti da ISIS, che aveva trasmesso anche un video annunciando la loro morte imminente se le donne jihadiste non fossero state rilasciate.

Più di 300 persone, tra cui un centinaio di stranieri, sosto state condannate a morte in Iraq, e molte altre all’ergastolo, per l’appartenenza all’ISIS.




Lascia un commento