Appello contro le armi del figlio di Di Bartolomei

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Il padre, indimenticato capitano della Roma, morì suicida nel 1994 sparandosi un colpo di pistola. Oggi Luca Di Bartolomei, figlio di Agostino, è voluto intervenitre nel dibattito sulla legittima difesa e sulle armi postando su twitter la foto di una “Smith& Wesson 38 special uguale a quella che aveva Agostino”. “Quando la comprò negli anni 70 lo fece perché credeva che avrebbe così reso più sicuro la sua famiglia”: con queste parole inizia il thread di cinque tweet che ha avuto numerose condivisioni. “Al 41% degli italiani che oggi vorrebbe acquistare un’arma più semplicemente per sentirsi più protetto vorrei raccontare – dati e studi alla mano – di come più pistole in giro significheranno solo più morti, più suicidi, più incidenti. Pensate ai vostri figli e ed ai vostri nipoti. Una pistola non produce alcuna sicurezza. Credetemi”, questa la conclusione del tweet.

Si può comprendere il dolore di un figlio. Ma il ragionamento non ha molto senso.

Altrimenti dovremmo vietare i ponti, perché qualcuno può decidere di lanciarcisi; le medicine, perché qualcuno può utilizzarle per avvelenarsi e così via.




Lascia un commento