Immigrato vandalizza auto di scorta giudice, pesta agenti: niente carcere

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Si è scagliato contro la vettura di scorta di un magistrato, danneggiandola, e poi ha aggredito con calci e pugni l’autista e l’ufficiale di scorta, successivamente costretti a ricorrere alle cure mediche: è successo nella serata di domenica scorsa nei pressi del Corso Garibaldi, a Napoli. Vox ha diffuso ieri le immagini:

Marocchino attacca auto polizia, sradica lampeggiante – VIDEO CHOC

Il marocchino di 27 anni, Kamil el Medhi, è stato arrestato e poi condannato a quattro mesi di reclusione.

Ai giudici ha spiegato di essere stato aggredito da un gruppo di extracomunitari e di avere chiesto aiuto alla vettura, identificata come appartenente alle forze dell’ordine per via del lampeggiante. La vettura di scorta del magistrato però non poteva fermarsi e soccorrerlo. Il marocchino, fortemente irritato per essere stato ignorato, ha prima raggiunto la vettura, rimasta incolonnata nel traffico, e poi l’ha vandalizzata, saltando ripetutamente sul cofano. Infine ha aggredito gli agenti, scesi dall’auto per bloccarlo.

Solo 7 mesi e quindi la libertà condizionale, per avere pestato agenti e sfasciato un’auto di scorta di un giudice. E nemmeno espulso.




Lascia un commento