Salvini risponde a Macron: “Non siamo in vendita, porti chiusi”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Matteo Salvini ribadisce la chiusura delle porte alle imbarcazioni delle Ong, anche se, come abbiamo visto, loro tentano di aggirare il divieto scaricando i fancazzisti sui mercantili ‘di passaggio’: “Certe navi si devono scordare l’Italia, stop al business dell’immigrazione clandestina! La musica è cambiata, io ce la metto tutta”.

Macron esagera: “Immigrati sbarchino in Italia”

Al toy boy francese: “650mila sbarchi in 4 anni, 430mila domande presentate in Italia, 170mila presunti “profughi” a oggi ospitati in alberghi, caserme e appartamenti per una spesa superiore a 5 miliardi di euro. Se per l’arrogante presidente Macron questo non è un problema, lo invitiamo a smetterla con gli insulti e a dimostrare la generosità con i fatti aprendo i tanti porti francesi e smettendo di respingere donne, bambini e uomini a Ventimiglia. Se l’arroganza francese pensa di trasformare l’Italia nel campo profughi di tutt’Europa, magari dando qualche euro di mancia, ha totalmente sbagliato a capire”.

PORTI ITALIANI CHIUSI ALLE ONG (LA7, 23.06.2018)

Certe navi si devono scordare l’Italia, stop al business dell’immigrazione clandestina! La musica è cambiata, io ce la metto tutta.

Posted by Matteo Salvini on Saturday, June 23, 2018




Lascia un commento