Caritas rifiuta aiuto a donna italiana: “Pensano solo ai migranti”

Condividi!

Una cittadina aquilana in gravi difficoltà economiche, a cui sta per essere tagliata addirittura la fornitura di acqua potabile., si è vista rifiutare l’aiuto.

VERIFICA LA NOTIZIA

Questa la vicenda di A.V., che dopo aver bussato inutilmente alle porte di Caritas ed uffici comunali, si è rivolta a CasaPound Italia per segnalare la propria situazione.

“Purtroppo ci troviamo davanti all’ennesima vicenda di un italiano in difficoltà” afferma in una nota Claudia Pagliariccio, responsabile provinciale di CasaPound Italia.

“A.V. è una cittadina aquilana, che a causa di un grave rovescio economico si trova nell’impossibilità oggettiva di pagare le bollette per un bene essenziale come l’acqua potabile. Da qui – prosegue l’esponente di CP – la minaccia di chiusura della fornitura da parte dell’ente erogatore. A.V. con discrezione si è rivolta alla Caritas per ottenere un aiuto, ma si è trovata davanti il rifiuto da parte degli operatori. Non ce ne stupiamo: gli italiani in difficoltà non sono beneficiari dei lauti fondi pubblici stanziati per l’accoglienza degli immigrati, e non suscitano la compassione delle anime belle pronte ad attivarsi a favore di ogni presunto profugo che sbarchi sulle nostre coste, ma cieche alla sofferenza del proprio concittadino”.

“È alle istituzioni pubbliche – conclude Pagliariccio – e in particolare al Comune dell’Aquila che lanciamo quindi il nostro appello: l’avviso per richiedere il contributo di sostegno al reddito, annunciato nel mese di marzo, non è stato ancora pubblicato, con grave pregiudizio per tanti nostri concittadini in difficoltà. Ci attiveremo perché A.V. possa essere ricevuta dall’Assessore alle Politiche Sociali per arrivare ad una soluzione”.




Lascia un commento