Bloccano bus per 20 minuti, ma i profughi senza biglietto vengono assolti

Condividi!

I profughi salgono su un bus di linea a Lecco senza biglietto. Scoperti dai controllori, non presentano i documenti. Scatenano il caos, bloccano tutto. Ma vengono assolti: non sono responsabili di interruzione di pubblico servizio, perché sono richiedenti asilo.

VERIFICA LA NOTIZIA

La sentenza pronunciata ieri dal giudice monocratico Nora Lisa Passoni fa schifo: ha assolto i nigeriani con la formula «il fatto non costituisce reato». Perché se sei un fancazzista e blocchi il bus salendo senza biglietto, non vale.

Il biglietto doveva essere pagato dalla struttura che li ospitava.

I fatti: la mattina del 14 novembre 2014 i nigeriani tra i 18 e i 22 anni, richiedenti asilo politico e ospiti in due strutture ricettive a Galbiate e Lecco, salgono in periferia sul bus di linea diretto in centro. Non hanno il biglietto.

A metà percorso due controllori osano avviare le verifiche. Il bus viene bloccato con tanto di porte chiuse, i nigeriani rifiutano di presentare i documenti e i controllori avvertono i carabinieri.

I fancazzisti contattano col telefonino il responsabile del centro di assistenza che dichiara al controllore: «C’è stato un malinteso – raccontò uno degli educatori della cooperativa l’Arcobaleno – noi forniamo un biglietto agli ospiti per potersi recare in città».

Provate voi a chiamare a casa e far dire da qualcuno che il biglietto, di solito, ve lo fornisce lui.

Il bus della linea 1 di Lecco rimase fermo e con le porte chiuse per l’identificazione dei nigeriani più di 20 minuti. Di qui la denuncia per interruzione di pubblico servizio.

L’avvocato Daniela Sacchi, difensore di uno dei profughi pagata da noi, ha sottolineato che “l’interruzione di pubblico servizio si sarebbe potuta evitare facendo scendere i quattro profughi dal bus e proseguendo la corsa”. Ma pensa.

Avete rotto.




Un pensiero su “Bloccano bus per 20 minuti, ma i profughi senza biglietto vengono assolti”

  1. bisognerebbe creare un area recintata e sorvegliata con i soldati, dove rinchiudere i profughi, i loro avvocati e i giudici che li giudicano cosi alla leggera, e lasciarli li dentro per tre mesi!

Lascia un commento