Profugo violenta ragazza, poi va a rinnovare permesso di soggiorno umanitario

Condividi!

All’alba di giovedì 14 giugno, personale della Squadra Mobile de L’Aquila ha arrestato un profugo gambiano.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’arrestato, arrivato a L’Aquila nel 2016 – il Pd non ha risparmiato nemmeno le città colpite dai terremoti -, è l’immigrato che nella notte del 17 novembre 2017 ha rapinato e violentato una ragazza aquilana mentre rientrava a casa.

Dopo la violenza l’africano aveva lasciato il capoluogo abruzzese, rifugiandosi dapprima in Spagna e rientrando successivamente in Italia, nascondendosi in località Santa Palomba di Roma.

L’immigrato, all’oscuro delle indagini, pensando di averla fatta franca, aveva presentato all’Ufficio Stranieri de L’Aquila l’istanza per il rinnovo del permesso di soggiorno per motivi umanitari, perché la guerra in Siria non è ancora finita, istanza rigettata dalla Commissione per i Rifugiati perché arrestato a Roma lo scorso anno per spaccio di sostanze stupefacenti.




Lascia un commento