“Mare Nostrum voluto da Bergoglio, la telefonata al PD”

Condividi!

Mare Nostrum, l’operazione che diede inizio alla grande invasione che ha portato quasi 1 milione di africani in Italia, sarebbe iniziata su input diretto di Bergoglio.

Ricordiamo tutti quel maledetto 18 ottobre 2013. Kyenge era ministro. Letta era premier. E Bergoglio era Papa da 6 mesi.

Secondo quanto scrive il vaticanista Marco Tosatti sul suo blog, l’operazione sarebbe dovuta ad una telefonata che il Papa fece “all’allora presidente del Consiglio Enrico Letta per sollecitare un intervento dell’Italia. Mentre si è saputo di una telefonata successiva, quando il governo Letta era in difficoltà, del colloquio del 2013 non si era venuti a conoscenza”.

QUANDO BERGOGLIO TELEFONÒ A ENRICO LETTA, E PARTÌ L’OPERAZIONE “MARE NOSTRUM”. UNA RIVELAZIONE.

Sicuro della solidità della sua fonte (“fonti di alto livello del Ministero degli Interni”, tra i quali “un alto funzionario del dicastero, oggi in pensione”) il giornalista ha scritto sul suo blog che “l’Italia decise unilateralmente di varare l’Operazione Mare Nostrum allo scopo di raccogliere in mare quanti più migranti possibile, portarli sul territorio nazionale, far fare a tutti la domanda di asilo e trattarli, anziché come clandestini, come richiedenti asilo e, di fatto, come veri e propri profughi. La questione, oltre a comportare la violazione del diritto interno, internazionale e consuetudinario […] funse da moltiplicatore delle partenze dall’Africa, delle quali è tuttora un palese incentivo, e si tradusse in una collusione di fatto con i trafficanti di esseri umani, che da allora si arricchiscono ancor più, con cifre stimate superiori al traffico di stupefacenti”.

“C’era il Governo Letta in cattive acque. Arrivò una telefonata dal Papa”, ha confidato un alto funzionario dello Stato a Tosatti, rievocando l’origine di Mare Nostrum. “Perché, secondo lei, appena ho potuto sono andato via?”.

Le fonti del Ministero dell’Interno citate dal giornalista genovese fanno notare che anche il programma di Triton, a dispetto delle indicazioni iniziali, si è poi rivelato una forma di aiuto al traffico di esseri umani, più che un mezzo di contrasto alla tratta e di aiuto dei migranti.

Triton, in origine chiamata Frontex Plus, è stata una operazione condotta dall’agenzia europea di controllo delle frontiere (Frontex), con l’obiettivo di tenere controllate le frontiere nel mar Mediterraneo. L’operazione di salvataggio dei migranti, iniziata il primo novembre del 2014, dal primo febbraio di quest’anno è stata sostituita dall’Operazione Themis.

“Se la notizia è vera”, ha concluso Tosatti, “si tratta di una pressione straordinaria, e se vogliamo di un’interferenza eccezionale da parte della Santa Sede nei confronti dello Stato. E le cui conseguenze come sappiamo stanno continuando ancora adesso. Mentre continua, anche se adesso sostenuta anche da interessi corposi, la predicazione pro-migrazioni sempre e ovunque del Pontefice”.

Non ci sorprende. Del resto, Bergoglio ce lo ricordiamo tutti, il 13 luglio del 2013, in piedi sul barcone nel mare di Lampedusa, invocare la resa dell’Occidente all’ondata afroislamica in arrivo. Certo, finora si pensava più ad un’opera di convincimento im-morale, invece, adesso, ecco che si apprende di questa telefonata.

Ricordiamo che il Papa è il capo di uno Stato estero. Se davvero Letta ha agito su mandato di uno Stato estero, ci potrebbero essere gli estremi dell’alto tradimento. Non solo sostanziale, come si era pensato fino ad ora, ma anche formale.

Quanto a Bergoglio, il crimine di cui si è macchiato è l’avere portato il gregge al macello.




Lascia un commento