“Prima gli italiani, non accettiamo lezioni dalla Francia”

Condividi!

E’ scontro duro dopo le violente e volgari parole di Macron e della sua gang di baguette contro l’Italia.

VERIFICA LA NOTIZIA

Nel pomeriggio da Palazzo Chigi è partita una nota altrettanto dura in cui si accusa l’Eliseo di “una grave mancanza di informazioni su ciò che sta realmente accadendo” nel Mar Mediterraneo.

“Abbiamo anche offerto la possibilità di far scendere dalla nave le donne in stato di gravidanza, i bambini e chiunque avesse bisogno di cure – ricorda Palazzo Chigi – ma da Aquarius è arrivato un rifiuto a conferma del fatto che a bordo non era in corso alcuna emergenza”. Se non fittizia.

Secondo fonti di Palazzo Chigi, Conte starebbe valutando di far saltare il faccia a faccia con Macron previsto per venerdì prossimo a Parigi.

“Io voglio lavorare serenamente con tutti – replica con ferma tranquillità Matteo Salvini – ma con un principio: prima gli italiani”.

Luigi Di Maio: “È imbarazzante che i rappresentanti di questi Paesi vengano a farci la morale soltanto perché chiediamo a tutti i nostri partner europei di condividere con l’Italia diritti, doveri e solidarietà”. Per il capo politico grillino, “anzichè sprecare fiato”, dovrebbero mettersi subito al lavoro per distribuire i migranti che durante i mesi estivi sbarcheranno in tutta Europa. “In Italia – sottolinea il vicepremier – c’è un nuovo governo e niente sarà più come prima”.

La differenza tra Di Maio e Salvini è tutta qui: il primo vuole condividere gli sbarchi, il secondo vuole fermarli. Il posto degli africani è in Africa.




Lascia un commento