Ong rifiuta di sbarcare bambini in Italia: perché non ce ne sono

Condividi!

Sul caso Aquarius scende in campo padre Mussie Zerai, il prete trafficante eritreo amico di Laura Boldrini.

VERIFICA LA NOTIZIA

Zerai risulta indagato dalla procura di Trapani sul caso Ong.

“Faccio appello alla sua coscienza di uomo e di padre. Sia più umano perché ogni sua decisione incide sulla carne viva di questi esseri umani”.

“Ci risulta che ci sono molte donne e bambini, diverse donne in stato di gravidanza. Lei chiudendo il porto rischia di infliggere una punizione dura a bambini e donne incinte in fuga da situazioni difficili, scenari di guerra o assenza di libertà o per fame, la loro colpa è di cercare futuro dignitoso per i loro figli, libertà per sé e per i figli”. Dunque si chiede come Salvini, anche lui padre, possa “accettare che dei bambini siano costretti per ore o giorni a restare a bordo di una nave con tutto il disagio che questo comporta. Le donne in gravidanza hanno esigenze di assistenza e controllo medico, i bambini devono potersi lavare, cambiarsi il vestito pieno d’acqua salata con cui sono stati tratti in salvo. Ogni ora che passano a b ordo di quella nave il disagio e i rischi di una vera crisi umanitaria vanno crescendo”.

Salvini, da par suo, ha rivelato di aver proposto alla Aquarius il trasbordo di donne e bambini, ma la nave ong non ha risposto. Per un motivo semplice: non ce ne sono. Trasbordarli avrebbe svelato la menzogna.

Ieri pomeriggio, infati, l’ong parlava di qualche donna incinta e alcune decine di minorenni (che come sappiamo sono sempre presunti 17ennu). Poi, dopo il blocco deciso da Salvini, si sono trasformati in ‘bambini’. Salvini ha chiamato il bluff. E ha vinto.




Lascia un commento