Immigrati prendono d’assalto centro accoglienza: “Italiani devono ospitarci”

Condividi!

E mentre vogliono scaricare in Italia 2 mila clandestini afroislamici, quelli che già sono qui scatenano violenze.

VERIFICA LA NOTIZIA

Hanno letteralmente preso d’assalto il centro di accoglienza degli immigrati stagionali (ridicolo che i contribuenti debbano pagare l’alloggio ai raccoglitori, se proprio vogliono, glielo paghino quelli che li sfruttano invece di pagare, il giusto, studenti italiani), a Saluzzo, aperto da alcuni giorni per i braccianti agricoli impegnati nel distretto frutticolo locale.

Sono decine gli extracomunitari a cui questa mattina è stato concesso l’ingresso, benché non registrati come prevede il regolamento, per ripararsi da un temporale. Una volta spiovuto, ovviamente, gli immigrati si sono rifiutati di lasciare l’ex caserma Filippi, costringendo i gestori della cooperativa dal nome demenziale Armonia a chiedere l’intervento delle forze dell’ordine.

Accompagnati all’esterno, gli immigrati esigono un posto nel centro, che può ospitare fino a 368 persone.

Da anni ormai Saluzzo viene presa d’assalto dagli immigrati in cerca di lavoro stagionale. Lo scorso anno furono oltre 500 quelli che occuparono abusivamente i viali del Foro Boario.

Invece di cacciarli, quest’anno il Comune con la Regione Piemonte (entrambi Pd) ha creato nella caserma dismessa una sorta di dormitorio temporaneo. Progetto fallito. Idioti.

Fornendo braccia low-cost, gli sfruttatori non hanno bisogno di investire in tecnologia come avviene in tutti i Paesi civili dove, ormai, queste cose le fanno i ‘robot’. E gli ‘stagionali’ possono accettare paghe miserabili – estromettendo giovani locali – tanto l’alloggio è pagato dai contribuenti italiani.

L’immagine in alto è molto più vicina nel tempo di quanto possiate immaginare. Se non respingiamo i clandestini.




Lascia un commento