Trump rovescia il tavolo al G7: schiaffo al globalista Trudeau

Condividi!

Mossa del cavallo di Trump: “Ho dato istruzioni di non appoggiare il documento finale del G7”. Infuriato per le parole del premier canadese Trudeau, che ha aspettato che il presidente americano partisse per parlare contro i dazi decisi dagli Usa, Trump ha ordinato ai suoi collaboratori di non firmare il documento finale del G7.

Dall’Air Force One, in viaggio verso Singapore per il vertice con Kim Jong un, Donald Trump posta su Twitter un annuncio senza precedenti nella storia: gli Stati Uniti non firmeranno le decisioni prese dai sette leader delle potenze industrializzate.

A causare la rottura le parole usate da Trudeau nella conferenza stampa finale del G7, e l’annuncio che dal primo luglio partirà la risposta alle tariffe su alluminio e acciaio volute dalla Casa Bianca.

Trump definisce il premier canadese, il cuckold Trudeau, “un disonesto e un debole”.

Poi l’annuncio: “dazi sulle auto che invadono il mercato americano”.

La rottura senza precedenti ha causato l’ira del duo comico Merkel-Macron. La Germania è il Paese europeo direttamente interessato dai dazi americani e vuole, per proteggere il proprio surplus commerciale – grazie all’euro – coinvolgere anche l’Italia in una folle guerra commerciale con gli Stati Uniti.




Lascia un commento