Amico la fa violentare dai marocchini: «Mi fidavo di Stefano: mi hanno violentata»

Condividi!

L’incubo vissuto il 24 maggio di un anno fa all’ex Everest, dove, per l’accusa, l’amico di cui si fidava e due marocchini l’avrebbero violentata, dopo averla fatta ubriacare.

VERIFICA LA NOTIZIA

Con il pensiero che correva a sua madre, mentre abusavano ripetutamente di lei: «La mia mamma mi sveglierà da questo incubo». E ancora, quell’incubo rivissuto oggi, nella stanza del gup, Elisa Mombelli, da una ragazza di vent’anni, sentita in forma protetta, in video collegamento con l’aula di giustizia.

Qui c’erano Stefano, cremonese 37enne, Lahoussaine e Mohamed, 53 e 50 anni, marocchini clandestini senza fissa dimora, accusati, in concorso, di violenza sessuale di gruppo. Con l’aggravante di aver commesso il fatto con l’uso di sostanze alcoliche.

Il processo con il rito abbreviato ha segnato un altro passo: la giovane, parte civile attraverso l’avvocato Mimma Aiello, è stata sentita su richiesta dell’avvocato Fabio Galli, difensore dei suoi presunti violentatori che avevano chiesto l’abbreviato condizionato all’audizione della presunta vittima. Non è stato facile per lei.

«E’ stata precisa, molto brava. E’ stata in gamba».

Osceno. Ai due marocchini il taglio delle palle e poi sul primo aereo verso casa loro. Per l’Italia, prima il taglio delle palle, poi, dopo un paio di giorni la testa: perché un italiano che fa violentare una ragazza italiana da due marocchini deve morire.

E’, a livello individuale, quello che il PD e i suoi elettori fanno all’Italia nel suo complesso: cercano di ‘ubriacarla’ di buonismo per farla violentare dall’immigrazione.




Lascia un commento