Sesso tra profughi in mezzo ai bambini, degrado nella città dell’accoglienza

Condividi!

Rapporti sessuali consumati all’aperto a due passi da un centro sportivo frequentato da bambini, preservativi ed escrementi, “attenzioni” sgradevoli rivolte a donne, esercizio della prostituzione, consumo di droga. Sono alcuni dei problemi che lamentano gli utenti del cosiddetto “Grande Parco Forlanini”, l’area verde non attrezzata fra le vie Tucidide e Corelli, viale Forlanini e via Cavriana». Lo denuncia in una nota il presidente del Municipio 4 Paolo Guido Bassi (Lega) che ha raccolto segnalazioni di cittadini preoccupati e ha effettuato un sopralluogo insieme a un gruppo di loro. Una situazione documentata con foto che ritraggono persone seminude nel prato, coperte con un lenzuolo. «Non è chiaro – sottolinea Bassi – se la forte presenza di stranieri sia legata o meno alla presenza in zona di diversi centri di accoglienza di migranti-

VERIFICA LA NOTIZIA

La risposta di Majorino (assessore alle Politiche sociali) non si fa attendere: «Condivido la necessità di sviluppare un monitoraggio capace di coinvolgere anche gli enti gestori dei centri di accoglienza; sono pronto a organizzare una riunione quanto prima». L’assessore ha aggiunto: «Da tempo lamento l’eccessiva concentrazione di Cas (Centri di accoglienza straordinaria, ndr). Per risolvere la situazione bisognerebbe coinvolgere gli enti locali non disponibili ad accogliere richiedenti asilo, al fine di distribuirli più efficacemente sul territorio».

Ma infatti, loro hanno voluto i finti profughi, e ora vogliono condividere il degrado con chi non li ha mai voluti. Pirla.




Lascia un commento