Camerunense vive 2 anni in hotel a spese nostre perché c’è la guerra in Siria

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

SARNO (SALERNO), 8 GIU – Sarebbe stato colpito alla schiena con una mazza da baseball mentre tornava a casa in bici, probabilmente da due ventenni che dopo il gesto avrebbero anche esultato. A denunciare alla Polizia un’aggressione a sfondo razziale è stato un ragazzo 27enne del Camerun, da due anni residente a Sarno (Salerno), dove ha conseguito un permesso di soggiorno per motivi umanitari: il giovane ha giocato nella squadra di calcio Intercampania, in Prima categoria. Gildas Landry Mvomo Dang ha raccontato agli agenti del commissariato di Sarno che – secondo quanto riferito dal legale, Hilarry Sedu – stava tornando in bici presso l’hotel in cui vive, ospite di un progetto Sprar. Ha sentito un’auto, si è girato e ha notato un “braccio magro” che spuntava dal finestrino protendersi e una mano che teneva una mazza da baseball. Il 27enne ha poi sentito un forte colpo alla schiena ed è rovinato sull’asfalto; “mentre mi colpivano – ha aggiunto – ho sentito solo un urlo tipo festeggiamenti sportivi o di entusiasmo”.

Dove “ha conseguito”, ma quale scuola di giornalismo fanno i leccaculari dell’Ansa? Hai una laurea? No, ho un permesso di soggiorno umanitario.

Ma, a parte il leccaculismo dei nostri media di distrazione di massa, e del fatto che i sedicenti profughi sentono le voci e vedono ‘bracci magri’, si apprende che un camerunense di 27 anni vive da 2 anni in hotel a spese dei contribuenti. Questo perché, come sapete, c’era la guerra in Siria.




Lascia un commento