#ParoleOstili, radical chic a convegno contro la libertà in rete

Condividi!

L’ennesimo bizzarro convegno di radical chic che si riuniscono per tentare di censurare la rete con la scusa del cosiddetto ‘odio’. O come lo definiscono loro anglofili ‘hate speech’.

E’ divertente notare come gli ex comunisti divenuti borghesi d’alto bordo siano passati all’essere di fatto sponsorizzati dalle multinazionali. Ma non è strano: comunismo e globalizzazioni sono aspetti complementari della stessa malattia.




Lascia un commento