Profugo rientra ubriaco in hotel ed esige cibo: sfonda porta cucina

Condividi!

E’ successo due giorni fa al centro per richiedenti asilo “Nuova vita” di via Vercellone, a Cavaglià. I responsabili della struttura hanno chiesto l’intervento dei carabinieri.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il giovane fancazzista, un nigeriano di 38 anni in attesa di ottenere il riconoscimento di rifugiato perché c’era la guerra in Siria, è rientrato ubriaco. Aveva fame, e turbato dal fatto che la cucina non servisse pasti a tarda notte, ha sfondato la porta e si è servito da solo.

I responsabili della struttura hanno chiesto l’intervento dei carabinieri. I militari sono intervenuti immediatamente per placare gli animi dell’uomo che, nel frattempo, aveva discusso con gli altri ospiti colpevoli, a suo dire, di avergli sottratto il pasto. Dopo alcuni minuti, grazie all’intervento delle forze dell’ordine, la situazione è tornata alla calma. Fino al prossimo profugo ubriaco.




Lascia un commento