Tunisia convoca ambasciatore italiano: “Non esportiamo galeotti in Italia”

Condividi!

La Tunisia ha convocato il nostro ambasciatore a Tunisi manifestandogli “profondo stupore per le dichiarazioni del ministro dell’Interno italiano sul dossier immigrazione”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Le frasi di Salvini (“La Tunisia esporta spesso galeotti”),”non riflettono la cooperazione tra i due paesi nel campo della gestione dell’immigrazione e indicano una conoscenza incompleta dei meccanismi di coordinamento esistenti tra i servizi tunisini e italiani”.

E giù risate. Il governo tunisino non ha capito che è cambiata l’aria: non c’è più un governo a novanta gradi.

Ondata di furti a Lampedusa, sono gli ex detenuti tunisini sbarcati

Il governo tunisino accetta quattro o cinque clandestini al giorno con i rimpatri: intollerabile. Una presa per il culo. In questo ultimo anno ha ripulito le proprie prigioni con un indulto e caricato gli ex galeotti su barconi verso l’Italia.

La confessione del tunisino: “Siamo ex detenuti” – VIDEO

Se insiste con questo atteggiamento, il governo italiano potrebbe decidere di annullare tutti i permessi di soggiorno dei tunisini regolarmente presenti in Italia. Ad esempio.

Gli Stati che esportano immigrati sono abituati a decenni di mollezza da parte dei governi occidentali. Stiano attenti, se torniamo a ragionare come ragionavamo fino agli anni ’60, sono cazzi.




Lascia un commento