Balotelli capitano della Nazionale: Pd entusiasta, Salvini no

Condividi!

Tutti i media parlano di Balotelli, nonostante sia insopportabile alla maggioranza degli italiani. Ora, addirittura, per umiliare l’Italia ed ergerlo a rappresentante della sostituzione etnica in corso, lo vogliono capitano della nazionale: nonostante non ne abbia né le qualità morali né tecniche. Né, ovviamente, quelle etniche.

VERIFICA LA NOTIZIA

Tanto da farne una questione politica. Oggi è intervenuto il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini: “Il capitano deve essere rappresentativo e deve giocare bene a pallone, non deve essere bianco, giallo o verde (errore, Salvini si deve liberare dal politicamente corretto: è vero che non si sceglie per motivi sociologici, ma il peccato è a monte, Balotelli nemmeno ci dovrebbe giocare in nazionale) — ha detto ai microfoni di Rtl 102.5 —. Spero che l’allenatore sceglierà il capitano non per motivi sociologici, filosofici e antropologici, ma perché è un ragazzo che fa spogliatoio, umile e che gioca bene. Magari Balotelli mi stupirà, ma negli anni passati non mi è sembrata una persona umile in grado di mettere d’accordo tutti”.

Ovviamente, spinge per la fascia il segretario del Pd Maurizio Martina, che da cuckold politico è entusiasta dell’idea: “L’idea di averlo come capitano della Nazionale mi piace, me lo auguro per tutti noi. Ha espresso parole giuste, semplici e forti. C’è bisogno di una voce come la sua per far capire certe battaglie. Se c’è un giocatore riconosciuto e bravo che si mettere a riflettere sull’Italia ben venga”, ha spiegato su Radio 24.

Appello agli ultras: fischi di massa all’africano. Che vuole la fascia per umiliarci.

Sinceramente ci siamo rotti di questo pallone gonfiato mediatico, pompato ad arte da giornalisti prezzolati per motivi politici: smettete, tanto gli italiani non si fanno confondere.

Ps. E’ puerile che i giornali sportivi parlino un giorno sì e l’altro pure di un giocatore mediocre: è evidente che sono a libro paga di chi vuole sponsorizzare la sostituzione etnica.




Lascia un commento