“Tende solo per i musulmani”, faide etniche tra clandestini – VIDEO

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Le forze dell’ordine hanno lanciato ieri mattina l’operazione di evacuazione del più grande accampamento di clandestini di Parigi, dove vivono circa 1.700 immigrati, attorno al Bassin de la Villette, uno dei canali che attraversano la capitale, nel 19/o arrondissement. L’operazione è cominciata poco dopo le 6 nel campo “Millenaire”, al culmine di una battaglia politica che ha visto opposti il governo e il Comune di Parigi. L’evacuazione, la 35/a organizzata a Parigi in tre anni, “porterà ad alloggiare temporaneamente le persone coinvolte in una ventina di siti della capitale e dintorni”, ha annunciato in un comunicato il ministro dell’Interno, Gerard Collomb.

La situazione a Parigi è sconvolgente anche dal punto di vista di chi, come noi, è abituato al degrado portato dall’immigrazione:

Intanto il blog Gli Occhi della Guerra ha realizzato un reportage proprio bell’accampamento di clandestini parigino della Villette:

Un dipendente del comune parigino che si trovava al campo ha fatto notare una cosa a Gli Occhi della Guerra. “Guarda qui”, ha detto, indicando una delle tende che erano appena state portate da alcuni uomini a bordo di un camioncino. Sulla tenda blu c’era una scritta: “Dono della comunità musulmana“. Questa persona, che per motivi lavorativi vuole restare anonima, ci ha raccontato che spesso alcune associazioni musulmane locali vengono al campo per aiutare i migranti. “Hanno appena portato una decina di tappeti di preghiera e alcune tende”. Quelle tende, però, non sono per chiunque, ma esclusivamente per i migranti musulmani presenti nel campo. Insomma, se un cristiano ne avesse avuto bisogno, non avrebbe potuto prenderla. E, anzi, avrebbe rischiato dei guai. Ma le discriminazioni riguardano anche il mangiare. “A volte portano cibo e lo danno prima a loro, poi, se rimane, agli altri”, ci dice. E aggiunge: “Inutile provare a chiedere conferma agli eritrei di quanto ti sto raccontando. Non te lo diranno. Hanno paura”.




Lascia un commento