Milano, Sala stava per assumere 22 profughi come «ghisa»: bloccato

Condividi!

Il bando, era stato lanciato lunedì on line, prevedeva l’assunzione di ventidue vigili a tempo indeterminato: volevano assumere immigrati per fare i vigili.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ora è stato ritirato. Era illegale. Violava l’articolo 38 del Testo Unico sul Pubblico impiego, che vieta l’assunzione di non italiani come membri della pubblica sicurezza. L’articolo, infatti, prevede che «i cittadini dell’Unione europea e i loro familiari, non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, possono accedere ai posti di lavoro presso le amministrazioni pubbliche che non implicano esercizio diretto o indiretto di pubblici poteri, ovvero non attengono alla tutela dell’interesse nazionale».

In sostanza nel bando per l’assunzione di 22 vigili, il Comune apriva il concorso anche agli «extracomunitari purchè in possesso di permesso di soggiorno Ue per soggiornanti di lungo periodo, o titolare dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria».

Violando l’articolo 38: solo i cittadini italiani, infatti, possono ricoprire ruoli che prevedono esercizio del pubblico potere».

«É stato un errore – dicono da Palazzo Marino, ma nessuno ci crede – i bandi della pubblica amministrazione devono prevedere l’accessibilità anche ai cittadini stranieri, ma in questo caso no. Il funzionario ha fatto un copia e incolla sbagliato».

«Siamo sentinelle attente a difendere il corpo in ogni momento», accusa Daniele Vincini, segretario regionale Sulpm. «Non so se sia peggio un’amministrazione che vuole armare i clandestini – attacca Fabrizio de Pasquale, consigliere comunale di opposizione – o dove i dirigenti sbagliano a scrivere un concorso. Per fortuna però esistono ancora delle leggi che impongono che della sicurezza si occupino solo gli italiani».




Lascia un commento