Disney cancella ‘Roseanne’, serie pro-Trump per un tweet ‘razzista’ dell’attrice protagonista

Condividi!

La ABC, di proprietà della multinazionale Disney, una delle peggiori strutture di propaganda globale del degrado, ha cancellato “Roseanne”, una popolare serie Pro-Trump, a causa di un tweet definito razzista della sua attrice protagonista. Ormai siamo al delirio più totale.

Tenete presente che il telefilm, da poco tornato in onda dopo venti anni dalla fine della nona stagione, era il più seguito della televisione americana, con 22 milioni di telespettatori.

“Il commento di Roseanne su Twitter è odioso, ripugnante e non con i nostri valori, così abbiamo deciso di cancellare lo show”, ha detto il presidente di ABC Entertainment, Channing Dungey, in un comunicato. Deliranti.

Quando le multinazionali sono pronte a rinunciare ai soldi, significa che il sistema di controllo è talmente pervasivo, la posta in gioco talmente alta, da non sopportare la minima critica al proprio modello di società: controllare le vostre menti e la ‘narrativa’ è più importante di fare soldi.

I tweet sono stati pubblicati la notte di lunedì. L’attrice 65enne ha prima attaccato Soros e i Clinton:

Poi si è rivolta contro l’ex consigliere di Barack Obama, tal Valerie Jarrett (foto) dicendo, durante una discussione: “La Fratellanza Musulmana e Il pianeta delle scimmie hanno avuto un bambino=vj” .

Il ritorno primaverile di Roseanne, 20 anni dopo la nona stagione della sitcom, era stata una scommessa vincente per la ABC. Un’undicesima stagione è stata persino commissionata per quella che è stata uno dei pochi programmi pro-Trump sulla TV americana.

Questo era intollerabile. E allora cancellano un telefilm per il tweet di una sua attrice.




Lascia un commento