Poliziotto attacca Mattarella: “Questo è il tricolore che tu hai tradito: io non ci sto” – VIDEO

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
“Decade la sovranità del popolo italiano e io non ci sto”.

Virale il video di un poliziotto che, all’indomani del colpo di stato di Mattarella, ha deciso di pubblicare un video in cui condanna le azioni del presidente abusivo della Repubblica.

“Mando un messaggio che vorrei arrivasse alle istituzioni”, dice il poliziotto nel video che ha pubblicato oggi pomeriggio sul proprio profilo Facebook. “Noi siamo in giro ogni giorno per la gente – racconta – ci occupiamo del controllo del territorio, io vesto questa divisa perché mi pagano gli italiani, per difendere i diritti degli italiani”. Poi l’attacco al capo dello Stato: “Porto il Tricolore con orgoglio, ma chi dovrebbe dare l’esempio di sovranità italiana non lo sta dando: sta decadendo la sovranità del popolo italiano e io non ci sto. Sono una piccola fetta di una istituzione dello Stato, ma protesto perchè mi sento di rappresentare gli italiani”.

Ora il video dell’agente è stato rimosso. Il poliziotto, in servizio al commissariato centrale di Catania, rischia un procedimento. La questura etnea ha dato incarico alla Polizia postale di acquisire il video per valutare profili penali e disciplinari. Numerosi i commenti di sostegno nella sua pagina che incitano alla protesta.

Uno di noi. Abusivo, il popolo sta arrivando.




Un pensiero su “Poliziotto attacca Mattarella: “Questo è il tricolore che tu hai tradito: io non ci sto” – VIDEO”

  1. Meglio evitare di fare il kamikaze e sacrificare il proprio lavoro per il video di protesta, specialmente se si ha una famiglia da mantenere, ma capisco la motivazione, la mia non è una critica, ma era ovvio che un poliziotto o carabiniere che posta un video anti estabilishment finisce licenziato o sotto provvedimento disciplinare entro due ore.

    Capisco che molti tra le forze dell’ordine e tra le forze armate sono contro questo scempio che si sta facendo dell’Italia, il paese migliore del mondo.

Lascia un commento