Nigeriani cacciano bambini italiani da campetto: “Ora è nostro”

Condividi!

Un gruppo di immigrati nigeriani ha tentato di cacciare dal campetto da calcetto della chiesetta di viale Paganini aluni bambini del quartiere che giocavano in quel momento nella struttura sportiva. “Adesso giochiamo noi” hanno urlato con arroganza i migranti e giù insulti e pallonate rivolte ai ragazzini italiani. Sul luogo erano presenti alcuni genitori dei minori che hanno immediatamente preso le difese dei figli. Sul posto è dovuta intervenire anche una volante dela Polizia per placare gli animi e la prepotenza degli stranieri.

Un paio di giorni fa, nel quartiere Q4-Nuova Latina, un gruppo di richiedenti asilo nigeriani ha conteso il terreno di gioco parrocchiale a suon di insulti e pallonate contro un gruppo di ragazzini locali.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’episodio si è registrato in uno dei primi pomeriggi assolati della settimana scorsa nel campetto di viale Nicolò Paganini nei pressi della chiesetta dedicata a “Maria Madre della Chiesa”.

Un gruppo di ragazzini giocavano col pallone, controllati a vista da alcune madri che passeggiavano con i cani lì intorno, quando si sono presentati una decina di giovani africani. Anche loro avevano un pallone, ma non potevano giocare perché il campo era occupato.

Uno si è fatto avanti e, con tono sprezzante, ha ordinato ai ragazzini italiani di lasciare loro il campetto perché dovevano giocare.

A quel punto è intervenuta un madre in difesa del figlio e dei suoi amici. Ne è scaturita un’accesa discussione, degenerata velocemente, al punto che uno dei genitori ha deciso di prendere il telefono e chiedere l’intervento della polizia.




Lascia un commento