Uffizi, Stragi ’93: restaurata tela devastata

Condividi!

Più operazione di testimonianza che non restauro tradizionalmente inteso: il recupero de “I giocatori di carte” di Bartolomeo Manfredi, l’opera più devastata fra quelle colpite dall’attentato mafioso di via de’ Georgofili, che nella notte fra il 26 e il 27 maggio del 1993 uccise 5 persone e danneggiò pesantemente alcuni ambienti degli Uffizi, è stato presentato in Palazzo Vecchio a Firenze. Il restauro, eseguito da Daniela Lippi e coordinato da Maria Matilde Simari, è stato effettuato grazie all’iniziativa lanciata dal Corriere Fiorentino, da Banca Federico del Vecchio (ora Ubi Banca) e dalle Gallerie degli Uffizi.

Eike Schmidt, direttore delle Gallerie (i direttori stranieri dei musei italiani sono solo una delle porcate PD), ha ricordato “gli ‘eroi degli Uffizi’, le persone che sfidando il fumo e la polvere entrarono subito tra le mura sventrate, lavorarono senza sosta e riposo per settimane, e affidandosi all’istinto e all’intuizione raccolsero anche pezzetti di tela all’apparenza insignificanti e inutilizzabili, rivelatisi invece reliquie fondamentali”.




Lascia un commento