Detenuti islamici accusano Trump: “Ci costringe a mangiare carne maiale”

Condividi!

Le autorità giudiziarie dell’Alaska (Stati Uniti) hanno ordinato alla gestione di una prigione, in una procedura di urgenza, di fornire “pasti adeguati” ai prigionieri musulmani che dichiarano di essere “affamati” e nutriti con carne di maiale in pieno Ramadan.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’Associazione per le relazioni islamo-americane, la famigerata Ong di suprematisti musulmani (CAIR) ha dichiarato di avere presentato denuncia martedì al Tribunale federale dell’Alaska a nome di due uomini musulmani incarcerati ad Anchorage.

Nella sua denuncia contro i funzionari e i supervisori locali della prigione, afferma che ai due prigionieri sono stati offerti durante il Ramadan, pasti che erano a basso contenuto di calorie e panini alla bolognese contenenti carne di maiale, cibo proibito dall’Islam.

L’associazione ha chiesto una “dieta equilibrata” per i detenuti, cambiamenti nelle pratiche e i danni. L’ONG deplora “un’ondata di atti di discriminazione nei confronti dei musulmani americani e di altri gruppi minoritari dopo l’elezione del presidente Trump”.




Lascia un commento