Fornero contro Savona: “Preoccupante se anti-euro diventa ministro Economia”

Condividi!

“Questa è la resa. Io che ho fatto parte di un governo tecnico dico che la politica deve essere fatta dai politici. I tecnici vengono usati, lasciati soli e non hanno la possibilità di arrivare a parlare con le persone. Il tecnico viene usato cinicamente e vigliaccamente e poi buttato via e accusato. Non so se avremo un Premier tecnico, ma in ogni caso non lo invidio affatto”. Lo ha detto Elsa Fornero a Radio Cusano Campus.

VERIFICA LA NOTIZIA

Parlando di Paolo Savona, possibile Ministro dell’Economia, Fornero sottolinea come sia stato “indubbiamente un economista di valore, anche abbastanza eclettico, non conformista. Ha un curriculum ricco e variegato, passa dall’accademia all’assunzione di responsabilità. Niente da dire su questo profilo. Può essere stato anti-euro, ma oggi l’euro c’è, non si torna indietro nella storia. Ha delle buone idee, ma queste idee bisogna discuterle, non brandirle come delle armi. Anche io vedrei con preoccupazione una persona con queste caratteristiche ad occupare il Ministero del Tesoro”.

Solite stupidaggini da Fornero. Conte non è un premier tecnico, ma esecutore. E’ evidente che due partiti che formano un governo come soci paritari non potevano scegliere un presidente di uno dei due movimenti ma, piuttosto, un terzo che possa eseguire le direttive del programma.

Il governo tecnico non è tale per la presenza di tecnici, ma perché non risponde ad una maggioranza politica e quindi al programma votato dagli elettori.

Quanto a Savona: se la Fornero non lo vuole, è un motivo in più per metterlo all’Economia.




Lascia un commento