Bloccata auto iracheno: stava portando via 8 bengalesi

Condividi!

Comunica la Questura di Cuneo:

“Verso le 3 di questa notte, mercoledì 23 maggio, una pattuglia dipendente della polizia stradale di Cuneo, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio e vigilanza sulla autostrada A6 Torino-Savona, intimava l’alt ad una vettura Chrysler Voyager con targa austriaca, in transito al chilometro 13 della citata autostrada, in corrispondenza della barriera autostradale di Carmagnola (Torino).

L’autovettura, in un primo momento intenzionata a fermarsi, improvvisamente, con una brusca e pericolosa manovra, accelerava e si dileguava. Immediatamente la polizia si poneva all’inseguimento della citata autovettura, notiziando il Centro operativo della polizia stradale di Torino che prontamente inviata in ausilio un’altra pattuglia della polizia stradale di Cuneo.

L’inseguimento in ambito autostradale terminava allorquando il veicolo in fuga guadagnava l’uscita di Marene, abbattendo la sbarra del casello e continuando la fuga in viabilità ordinaria verso località Cherasco. Il veicolo in fuga, diretto verso Cervere e successivamente verso Fossano, eseguiva, ad alta velocità, una serie di manovre vietate pericolosissime, impegnando rotonde in contromano e viaggiando in centro strada al fine di non essere affiancate fermato dalle pattuglie operanti, coadiuvate in ambito urbano anche da due pattuglie del Comando provinciale dell’Arma dei carabinieri.

VERIFICA LA NOTIZIA

Verso le 3,30, in località Fossano, il veicolo in fuga impegnava una strada senza uscita e, nell’intento di eludere il fermo, cercava di invertire la marcia, ma terminava la propria corsa urtando una delle pattuglie posta all’inseguimento. Il conducente cercava immediatamente di darsi alla fuga piedi, ma veniva prontamente bloccato dal personale operante. Si procedeva quindi al controllo delle persone del veicolo e si aveva quindi modo di appurare che all’interno, oltre al conducente, erano stipate altre otto persone, sia nei sedili posteriori che nel baule.

Nell’immediatezza, il conducente del veicolo dichiarava di essere di nazionalità irachena, mentre gli occupanti del veicolo riferivano di essere di nazionalità bengalese diretti in Francia. Le persone venivano accompagnate presso la questura di Cuneo per gli accertamenti di rito”.




Lascia un commento