Assolto italiano che picchia immigrato per difendere donna: magistrati sentono aria di ruspa

Condividi!

E’ stato assolto dall’accusa di lesioni personali l’ex rugbista Emanuele Borile, difeso dall’avvocato Francesco Zarbo. L’uomo si trovava a processo per questa vicenda risalente al 2013:

Italiano a processo: “Mazza da baseball contro marocchino per difendere amica”

La donna, sentita come teste durante un’udienza, aveva riferito che il marocchino si era presentato alla porta e, una volta entrato in casa, l’aveva aggredita, e che l’ex rugbista era intervenuto solo per difenderla. La donna ha spiegato anche che, in conseguenza della sua colluttazione con il nordafricano, si era ferita alla mano ed era ricorsa alle cure del pronto soccorso.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ascoltato anche un poliziotto che intervenne sul posto in seguito della segnalazione di una lite, arrivata alla sala operativa della questura. L’agente aveva riferito di aver trovato a terra, in una via vicina alla chiesa della frazione, il nordafricano sanguinante e alterato, soccorso poi da un’ambulanza.

Ieri la decisione del giudice del Tribunale di Rovigo, che ha assolto l’ex rugbista, sposando la linea di difesa dell’avvocato Zarbo che aveva chiesto l’assoluzione piena, e per il quale il marocchino non era mai stato picchiato con una mazza da baseball, come invece aveva riferito. Il 54enne, quindi, avrebbe agito solo per legittima difesa nei confronti della sua amica.

Forse sentono aria di ruspa…




Lascia un commento